21 aprile 2012

Il blog vive!

video

Stasera non so cosa fare, allora scrivo un post nel blog che ho abbandonato il 27 agosto 2011. Devo tenere aggiornate le mie innumerevoli fan che non hanno facebook e che passano le loro giornate chiedendosi che fine abbia fatto il loro uomo ideale: il Busca.

L'anno scorso vi avevo raccontato di essere tornato in Italia, di avere aperto una partita IVA come ingegnere, di avere avuto una figlia, di aver ristrutturato un appartamento, comprato una Citroen, eccetera.

Più o meno non è cambiato niente da allora, a parte il codice attività della partita IVA che è passato da ingegnere a fotografo. D'altra parte dopo aver studiato per essere perito meccanico alle superiori, preso una laurea al Politecnico in Ingegneria Meccanica e un dottorato a Liverpool ancora in Ingegneria Meccanica mi sembrava assurdo fare la stessa cosa tutta la vita, quindi faccio il fotografo. Ovviamente essendo una capra della fotografia lavoro con uno che le foto le fa già da un po' di anni, così imparo.

Questo perchè mia figlia, che ora ha già 10 mesi, mi ha già detto che vuole studiare in un'università estera prestigiosa, allora mi tocca lavorare per mettere via i soldi. Che se non fosse per lei adesso starei cercando il modo di prendere un altro titolo di studio in qualche materia assurda pur di non lavorare, ma così è la vita. Tra l'altro l'unica figlia di 10 mesi che chiede di andare in bagno per fare la cacca. E' un piccolo genio.

Chissà chi leggerà ancora questo blog. Forse solo chi l'ha lasciato nelle pagine che si aprono in automatico e si accorge che la grafica è cambiata.

Tra altri 10 anni ho già deciso che farò lo scrittore, soprattutto per mantenere l'auto-promessa che ho scritto nella colonna lì a destra, dove dico che pubblicherò un libro nel 2025. Dopo aver fatto lo scrittore fino al 2032, accetto consigli per i 18 anni che mi mancano al conseguimento del premio Nobel.

Il prossimo post proverò a farvi ridere.

27 agosto 2011

Il corso pre-parto


L'altro giorno (tre mesi fa a dire il vero) mi annoiavo, allora sono andato al corso pre-parto con la mia simpatica compagna di vita Didona. Uno non puo' sempre giocare ai videogiochi, seguire il fantacalcio o creare suppellettili. Ogni tanto si va al corso pre-parto.

Prima di andarci credevo che il corso pre-parto consistesse in una cosa del tipo:

- Vado li'.
- Mi dicono cosa fare per aiutare in sala parto, dicono alla Didona cosa non puo' mangiare in gravidanza, come respirare meglio per sentire meno il dolore, mi spiegano come funziona il parto, tutte le fasi, mi spiegano la rottura delle acque, le contrazioni, la dilatazione, eccetera.
- Poi pensavo: mi diranno cosa fare dopo, quando il bambino ha fame, quando si deve cambiare il pannolino, quando ha la febbre, quanto deve mangiare o crescere, di che colore deve essere la cacca perche' sia sano.

Invece funziona cosi':

- Vado li'. (Questa parte in effetti era come mi aspettavo, recarsi dove si tiene il corso)
- Ti invitano a sederti sul materassino se vuoi, per stare piu' comodo. Ma dammi una sedia, grazie.
- Regna il femminismo estremo. Padri continuamente bacchettati e considerazioni orribili sul "dottore uomo" con frasi del tipo: "Una volta c'era il dottore (uomo) che veniva in sala parto e cercava di spingere il bambino fuori premendo sulla pancia se passava troppo tempo oppure faceva il cesareo... adesso invece no! C'e' solo l'ostetrica con voi e il dottore entra solo se ci sono problemi, e poi adesso siamo tutte donne e la dottoressa e' bravissima". Che poi a me avere un dottore in sala parto mi rassicurerebbe. Sono all'ospedale, mi aspetto dei dottori. Han studiato 20 anni quello, sapranno cosa fare. NO! Solo l'ostetrica che il dottore non capisce niente.
- Le mamme, quelle al primo figlio specialmente, sono preoccupate perche' ovviamente non sanno niente. Tutte tranne quelle super-ansiose che invece sanno gia' tutte le malattie mortali contraibili in gravidanza se non si lava bene la rucola o si mangia il tonno. Io ero andato li' sereno che la peste e la malaria fossero piu' o meno debellate ed esco che mi disinfetto anche il cucchiaino del caffe' con l'amuchina.
- Dicevo: sono preoccupate e come le rassicurano? Col semplice trittico della mamma degenere: 
1) Se tuo figlio non nasce col parto naturale SEI UNA MERDA. Non importa se e' arrotolato nel cordone ombelicale a cappio, se e' messo di culo o di fianco, se pesa dieci chili o se e' un parto ennagemellare. Se fai il cesareo hai perso, devi soffrire e lacerarti ovunque per 10 ore e dopo, eventualmente, fare il cesareo solo se qualcuno sta per morire.
2) Se tuo figlio, dopo che e' nato, non si attacca al seno materno oppure il tuo latte non e' abbastanza nutriente per la sua crescita SEI UNA MERDA. Se usi il latte artificiale sei una fallita, non sei degna di essere chiamata mamma, hai perso e ha vinto la Nestlé.
3) Non usare nessuno dei prodotti che tutte le mamme usano da 1000 anni perche' sono pieni di petrolio. Usa solo acqua. Ma soprattutto, se piange dopo che lo avete attaccato al seno per 784 ore consecutive, cambiato, non ha la febbre ma e' solo un po' agitato... ecco... non dargli il ciuccio perche' altrimenti SEI UNA MERDA. Col ciuccio "non capisce piu' niente"! Se vuole attaccarsi, attaccalo. Se sei esausta che hai dormito 2 ore, non dargli il ciuccio, dormirai il mese prossimo.

Mi fermo qui senza dilungarmi sull'inquinamento apparentemente LETALE PER L'UOMO dei pannolini, che sembrano essere la principale causa dell'estinzione di varie speci e dell'effetto serra.

Scusate, e' che lo sciopero della serie A mi ha rovinato la giornata.

07 agosto 2011

Rieccomi


L'altro giorno non sapevo cosa fare e allora:

- Sono tornato a vivere in Italia.
- Ho aperto una partita IVA come 'ingegnere freelancer'.

- Ho avuto una figlia di nome Elena.
- Ho ristrutturato un appartamento.
- Ho comprato una Citroen.
- Ho comprato e attualmente mangio le kinder yogo brioss in quanto meno caloriche.
- Sono ingrassato (peso ben 64 Kg) e ho capelli bianchi.


Che poi mi dite che non vi dico mai niente.

01 marzo 2011

Ammazza se e' invecchiato male

Che la coerenza non sia il mio punto di forza lo avevate gia' capito tutti. Non per nulla una delle mie citazioni preferite e' "solo gli stupidi non cambiano idea". La verita' e' che io ho bisogno di un posto dove scrivere le mie cazzate per fare in modo che non rimangano inutilizzate dentro di me.

Il blog del Busca sopperisce ad un'esigenza che si e' venuta a creare nel mondo moderno governato da internet. L'impiegato medio dotato di accesso alla rete deve coprire la sua giornata lavorativa di 8 ore: gmail sempre aperto in attesa di una mail, il corriere della sera, la gazzetta, failblog e facebook da soli non ce la fanno piu'. La gente vuole sempre di piu', la gente vuole il BUSCA.

Il Busca pero' adesso ha 31 anni, quasi 32, e la sua fantasia e' sempre meno vivace e deve faticare il doppio per produrre due o tre paragrafi per farvi ridere o pensare. Ad esempio stasera non ho voglia di scrivere, quindi potrei fare la vecchia gag di smettere di scrivere all'improvviso e lasciarvi li' con quel senso di incompletezza tipico di alcuni film di Woody Allen, tanto per farvi sapere che son tornato senza in effetti scri

28 febbraio 2011