26 maggio 2008

Post-lampo (by Busca)

Prima di venire a Liverpool non avevo mai visto un signore di una certa età vestito da tirolese cantare in piazza "My Sharona" suonando un pollo di plastica come una chitarra. Ora so che ne è valsa la pena.

8 commenti:

il ceruti ha detto...

liverpool è la città dei miei sogni.
ti invidio busca, davvero...
qua è tutto così piatto...
...scontato come sentire i rom (e questi sono i casi dove preferiresti Ron) suonare in metro o quando ti fai fare su dai senegalesi in duomo (dannati libri di poesie africane).

Cek ha detto...

a natale avevo preso un libro dai senegalesi ed era pure bello.
La storia di due giornalisti che andavano a Dakar per una superfestona religiosa

Cek ha detto...

Comunque il cappello che indossa il signore è prodotto dalla Alpen.
Una volta andavano di moda pure da noi (senza piuma però) per fare quei lavori tipici da montagnino come spalare la neve o violentare giovani ragazze di città nel buio del bosco che dal minigolf porta a pila (ops...forse ho parlato troppo).

Comunque i cappelli delle bande valsesiane sono quasi tutti della stessa marca...tutto questo per la precisione (Massimo Alfredo Giuseppe Maria Buscemi ora pro nobis)

ilbusca ha detto...

Anche io spalavo la neve con quel cappello.

Patata ha detto...

Ce l'ho pure io, anche se i cappelli mi stanno malissimo. Cappello, che strano nome... Questo Blog fa pensare...

Pacey ha detto...

Sarebbe fantastico vedere un pollo gigante che suona un tirolese impersonato A SORPRESA da Rupert Sciamenna.

Cek ha detto...

e che dire di un cappello con in testa un pollo di una certa età che suona un tirolese di plastica

Caña Team ha detto...

Ci voleva un video su YouTube !!!